Tre Donne

Sono giorni duri questi per la nostra Associazione diocesana. Domenica 17 marzo Grazia, lunedì 18 marzo Emanuela, giovedì 21 marzo Angela: nell’arco di 4 giorni se ne sono andate tre donne di AC. Diverse per età, per carattere, per stile di presenza, per vocazione. Ma tanto simili nell’essere radicate nella nostra comunità ecclesiale e umana da costringerci a raccogliere pensieri, a ripensare al senso, a rintracciare la forza del nostro stare dentro il tempo che ci è dato di vivere.

La morte si è presentata nel suo modo più cattivo e inesorabile. E ci siamo chiesti perché, e com’era possibile, e cosa potevamo fare. Abbiamo raccolto la paura e ci siamo sentiti smarriti di fronte a tanto dolore. Abbiamo dovuto ridomandarci  e riaffermare che sì, crediamo in un Dio che è morto in croce;  perché risorgessimo un giorno.

Grazia, Emanuela e Angela hanno sperimentato la tenerezza di vivere nella comunità degli uomini dentro la Chiesa. Hanno capito presto dentro l’AC che “ siamo fatti per Te, Signore, e il nostro cuore non ha pace se non in Te” e che la vita poteva essere spesa per un centuplo che era disponibilità, servizio, dedizione. Nelle rispettive famiglie, nella nostra famiglia di AC, nella Chiesa tutta.

Cosa è stato se non il Centuplo il dispensare ascolto e sorrisi dedicati a chiunque entrasse in libreria? E non è stato il Centuplo dedicarsi con passione e intelligenza all’animazione di tante iniziative diocesane? Ed è stato certamente il Centuplo trafficare fino allo sfinimento perché tutto funzionasse  a Resy.

La straordinaria testimonianza che ci è resa in questi giorni, sgargianti di luce di marzo e plumbei per il peso nel cuore, è che a ciascuno è dato di tradurre secondo il proprio modo originalissimo la testimonianza di fede che con semplicità e verità sa dare al mondo

Un orizzonte bello,  aperto, disponibile che è stato risposta sincera all’Amore di Dio: così leggiamo oggi il cammino di queste nostre sorelle. Non impeccabile e privo di ostacoli e fatiche, ma comunque sotto lo sguardo del Padre e destinato alla pienezza che attende chi spera e crede i Lui.

Ci piace ora pensarle insieme intente a continuare le belle chiacchierate che avevano iniziato qui e siamo certi che sapranno, nel tempo dell’attesa, intercedere per noi, per la nostra Ac, per la nostra Chiesa. E questo consola le nostre paure e le nostre lacrime.

Elena Camminati
Presidente diocesana dal 2011 al 2017

Categories: ACR, Adulti, Equipe ACR, Equipe Adulti, Equipe Giovani, Eventi ACR, Eventi Adulti, Giovani, In evidenza, Meditare, Resy

3 comments

  1. Chiara S. ha detto:

    Grazie Elena che per tutti noi hai dato corpo alle parole che con fatica escono in questi giorni tristi. Queste 3 amiche che hanno saputo generare buone relazioni ora ci accompagnano dal cielo e ci introducono in una relazione più grande, quella con il Signore della Vita

  2. Caterina ha detto:

    Farci vivere concretamente la forza e la bellezza di comunità dietro che ci accompagna fino all’ultimo e che prende i nostri cari per mano nel momento del dolore è un ultimo grande dono che queste tre Donne ci lasciano.

  3. sr caterina de nicola ha detto:

    Da Milano oggi ho cercato di contattare Grazia, per alcune informazioni. A telefono ripetutamente spento, ho intuito. E ho oggi, 7 agosto, visitato il vostro sito, e saputo che Grazia ci aveva lasciato già a marzo. Di lei ho il ricordo di donna impegnata, determinata anche nella malattia. Mi aveva chiesto consigli su come affrontarla, aveva ben capito. Ora la penso nella dimora dell’Eternità, nella pace.

Rispondi a sr caterina de nicola Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *