Preghiera e digiuno per la pace

siria guerraPapa Francesco ha invitato tutti i credenti, di qualunque religione e tutti gli uomini di buona volontà, a dedicare la giornata di sabato 7 settembre 2013 alla preghiera e al digiuno perchè “scoppi la pace in Siria”. La nostra diocesi ha accolto  questo invito e ha proposto una veglia di preghiera  in Santa Maria di Campagna, presieduta dal Vescovo Ambrosio.

L’AC nazionale ha condiviso e sostenuto pienamente la proposta del Papa e continua a mentenere viva l’attenzione sul prorprio sito.

 

Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato alcune riflessione scritte dopo l’invito di Papa Francesco (le trovi qui sotto). Oggi pubblichiamo altri articoli (anche questi li trovi  qui sotto) che sono stati scritti dopo la grande veglia per la pace di sabato scorso. E’ sempre interessante vedere come le cose sono osservate e valutate dai diversi commentatori. Speriamo che questo possa servire a tutti noi per formarci il nostro pensiero.

Articoli punnlicati prima del 7 settembre 2013

Alberto Melloni – Il Corriere della Sera

Franco Cardini – il Manifesto

Lucetta Scaraffia – il Messaggero

Massimo Faggioli – Europa

Paolo Rodari – la Repubblica

Pax Christi Italia

Pierangelo Sequeri – Avvenire

Laura Kocci – il Manifesto

E siccome siamo molto distratti e ci svegliamo solo quando suona una campane molto rumorosa, ecco un sito , segnalatoci da un amico, che potrebbe renderci un po’ più attenti o, almeno, più svegli.

Dopo il 7 settembre 2013

Innanzitutto l’omelia di Papa Francesco durante la Veglia per la Pace in Piazza San Pietro

Agostino Giovagnoli – la Repubblica

Andrea Riccardi – Corriere della Sera

Carlo Sini – l’Unità

Enzo Bianchi – La Stampa

Ernesto Galli della Loggia – Corriere della Sera

Flavio Lotti – Il Fatto Quotidiano

Franca Giansoldati – Il Messaggero

Furio Colombo – Il Fatto Quotidiano

Gian Guido Vecchi – Corriere della Sera

Giorgio Bernardelli – Vino Nuovo

Paolo Rodari – la Repubblica

 

Categories: ACR, Adulti, Archivio, Giovani, Meditare, Presidenza, Senza categoria

Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *