Progetto SAFE – Nuova proposta di formazione per l’ACR

Nel weekend dal 27 al 29 novembre si svolgerà un percorso di formazione alla tutela di minori e persone vulnerabili, dedicato a tutti gli educatori di ACR.

Il progetto “SAFE- Educare e Accogliere in ambienti sicuri”, co-finanziato dall’Unione Europea, è organizzato dall’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII in collaborazione con l’Azione Cattolica, il CSI (Centro Sportivo Italiano) e il dipartimento di sociologia dell’Università di Bologna.

Il progetto è rivolto ad organizzazioni religiose italiane affinché integrino la politica di tutela dei minori come primo strumento di prevenzione nei confronti di ogni forma di abuso, e nella fattispecie l’abuso sessuale. Inoltre intende offrire agli associati di tali organizzazioni un percorso formativo che consenta loro di riconoscere, segnalare e prevenire un abuso nelle relazioni e negli ambienti di attività educativa e di accoglienza con minori di età e persone vulnerabili.

Sono state selezionate 8 diocesi italiane in cui l’ACR diocesana parteciperà a questo progetto, inclusa la nostra!

La formazione degli educatori sarà curata da esperti del settore che conoscono bene la dinamica formativa della nostra Associazione.
I contenuti saranno, dunque, adattati e declinati alla nostra specifica esperienza associativa, accompagnando gli educatori a scoprirsi parte di questa rete di protezione che deve nascere intorno ai più piccoli, a partire dalle loro figure di riferimento sul piano educativo.

Il percorso di formazione si svolgerà online e sarà articolato in quattro momenti:

  • Venerdì 27 novembre al pomeriggio
  • Sabato 28 novembre al mattino e al pomeriggio
  • Domenica 29 novembre al mattino

Il percorso sarà aperto a un numero di partecipanti compreso fra i 25 e i 50, per questo è obbligatoria l’iscrizione entro e non oltre Lunedì 9 novembre, rivolgendosi ai responsabili ACR parrocchiali che invieranno i nominativi all’indirizzo equipeacr.piacenzabobbio@gmail.com

Vi aspettiamo!

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *